skip to Main Content
Alopecia: Tipologie, Cause E Trattamenti

Alopecia: tipologie, cause e trattamenti

COSA E’ LA ALOPECIA

Prima di vedere le diverse tipologie, mi sembra corretto fare chiarezza sul cosa si intende con il temine alopecia, ovvero la caduta e la mancanza di capelli, o altri peli, diffusa o circoscritta. L’alopecia è considerata una vera e propria patologia, che causa una caduta dei capelli ben maggiore rispetto a quella prevista dal normale ciclo vitale del pelo nel corpo umano. Sebbene non dannosa a livello fisico, la perdita di capelli può avere forti ripercussioni a livello psicologico e sull’autostima, e non sempre è facile da accettare.

Generalmente con il termine “alopecia” si fa riferimento all’alopecia areata e ai suoi sottotipi. Esistono però diverse tipologie di alopecia, classificate in cicatriziali e non cicatriziali, ereditarie e acquisite. Ognuna di queste possiede diversi sintomi e caratteristiche che vedremo meglio qui di seguito.

PRINCIPALI TIPOLOGIE DI ALOPECIA

Alopecia areata

È una patologia con una forte componente autoimmune che fa in modo che il sistema immunitario identifichi i follicoli piliferi come un corpo estraneo, attaccandoli. Questo causa una perdita dei capelli tipicamente a chiazze o aree (da qui il nome “areata”) glabre. Queste chiazze hanno il diametro di una moneta e si manifestano generalmente sul cuoio capelluto, ma possono apparire in ogni parte del corpo. L’alopecia areata può essere contratta sia da uomini che da donne, indipendentemente dall’età.

Alopecia totalis

Si tratta di una forma avanzata di alopecia areata che ha come conseguenza la perdita dei capelli per tutta l’estensione del cuoio capelluto, e anche della peluria facciale. Anche questo tipo di alopecia può colpire sia uomini che donne indistintamente.

Alopecia universalis

Questa è la forma più avanzata di alopecia areata, che può avere come risultato una perdita di capelli e peli totale su tutto il corpo. Questa è causata alla nascita da una mutazione cromosomica, che produce i suoi sintomi più avanti nel corso della vita dell’individuo, sia esso uomo o donna.

Alopecia cicatriziale

In questo caso si tratta di un gruppo di patologie rare che causano non solo la caduta permanente dei capelli, ma anche la cicatrizzazione del cuoio capelluto. Solitamente si verifica come conseguenza di complicazioni di un’altra patologia preesistente. È diffusa in tutto il mondo e può colpire sia uomini che donne, ma non è comune tra i bambini.

Alopecia barbae

Una forma di alopecia localizzata che colpisce l’area circostante al viso e al collo negli uomini, causando la caduta dei peli facciali in aree isolate o in tutta la zona di barba e baffi.

Alopecia da trazione

È il risultato di acconciature che tirano i capelli in maniera eccessiva, rimuovendo così le radici dal cuoio capelluto. Una perdita dei capelli permanente può avvenire quando questo tipo di tensione è applicata con una forza tale da impedire ai follicoli piliferi di svilupparsi.

Anagen effluvium

Questa forma di alopecia è sempre legata a disturbi del metabolismo delle cellule follicolari, ed è perciò strettamente connessa all’assunzione di farmaci chemioterapici che inibiscono il metabolismo delle cellule, ma può anche essere causata da altri trattamenti. L’anagen effluvium si manifesta con una caduta prima a chiazze, poi completa. Solitamente i capelli ricrescono una volta terminato il trattamento.

Telogen Effluvium

È una forma di alopecia caratterizzata da una caduta di capelli particolarmente intensa (più del 30%). Questa patologia è generalmente provocata da stress o traumi, quali ad esempio il parto, un lutto o una malattia grave.

DIAGNOSI E CAUSA DELL’ALOPECIA

L’alopecia areata, come abbiamo visto, è una malattia autoimmune che si manifesta quando il sistema immunitario del corpo umano, per varie ragioni, decide di attaccare i propri follicoli piliferi, avendo come conseguenza la cessazione della crescita dei capelli. Colpisce abbastanza frequentemente individui con una anamnesi familiare di disturbi autoimmuni, come ad esempio l’artrite reumatoide e la celiachia. Questo significa che le forme di alopecia areata potrebbero essere ereditarie e trasmesse da generazione in generazione. L’alopecia androgenetica negli uomini, invece, è risaputo essere ereditaria, ma non è ancora chiaro se questo valga anche per le donne.

Ogni tipo di alopecia può essere diagnosticata da un dermatologo a seguito di una visita medica e dopo l’analisi della cartella clinica del paziente. Il processo diagnostico può includere un esame del sangue e del capello. Inizialmente, il problema potrebbe manifestarsi con la comparsa di uno o più chiazze glabre, uno dei sintomi dell’alopecia più evidenti. Prima ancora, potreste notare ciocche di capelli sul cuscino o nella doccia. Se credi di avere l’alopecia, il mio consiglio è quello di rivolgervi al vostro medico di fiducia.

TRATTAMENTO

Quali sono quindi i principali rimedi per l’alopecia?

Una ricerca, durata dieci anni e coordinata dai laboratori Giuliani sotto la guida del dottor Fabio Rinaldi, dermatologo e tricologo, e che parte dall’importante studio sull’autofagia condotto da Yoshinori Ohsumi Premio Nobel per la medicina dimostra che l’autofagia, che è un meccanismo con cui le cellule si autoriparano mangiando e digerendo le scorie come proteine e frammenti di scarto che poi trasformano in energia è un passaggio indispensabile per la crescita dei capelli. Per questo Rinaldi e il suo staff hanno brevettato un complesso di tre principi attivi capace di stimolare l’autofagia nei capelli, che così vivono più a lungo e si autoriparano.

Per quanto riguarda il mio campo, invece, una nuova tecnica di medicina estetica segna una rivoluzione capace di ridare vita a uno degli elementi più sofisticati del corpo umano, il capello. Nessuna delle due innovazioni, è in grado di risolvere problemi di calvizie conclamate per le quali l’unica soluzione rimane il trapianto, ma danno ottimi risultati contro alopecie, diradamento e chiome sfibrate.

Ed è proprio su questa nuova tecnica che vi darò le ultime novità. Curiosi eh!

Fate bene 🙂 ma vi tengo ancora un pochino sulle spine perché questo è un argomento che merita un post ad hoc, perciò, fatte le dovute premesse, stay tuned!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top